2582

 

Manca oramai davvero pochissimo al Natale e come ogni anno, Il Campanellino si prepara insieme con i propri bambini a fare in modo che questa festa sia vissuta e ricordata come la più bella e indimenticabile, suggerendo ai genitori utili accorgimenti per renderla ancora più bella.

E’ senza dubbio la festa dei bambini, mentre molti adulti lamentano che non sia più la festa di una volta, in quanto in passato c’era una maggiore sensazione del momento magico, della sorpresa o mistero di chi portava i doni, che a seconda dei momenti o delle parti dl nostro paese, potesse variare in Santa Lucia, S. Nicola, Gesù Bambino, Babbo Natale, la Befana, ed altre figure. Oggi la maggior part di queste figure sono sparite, spazzate via dalla presenza imperiosa di Babbo Natale, che in questi periodi viene propinata in tutte le salse e in ogni luogo: si incontrano Babbo Natale ovunque, nei centri commerciali a fare da promoter, in tantissime pubblicità, in tv, sui giornali, privando del mistero la figura stessa del personaggio, confondendo a volte i più piccoli.

images

Ma nonostante ciò, il Natale non smette di piacere ai bambini semplicemente perché alimenta in loro il “pensiero magico”, in quanto loro hanno bisogno di fantasticare e il segreto della festa li catapulta totalmente nella dimensione della favola, facendolo sognare. Tutto ciò aiuta a sviluppare la loro immaginazione. La stessa figura che consegnerà a lui i doni, viene visto come una figura di una certa importanza, considerato che si preoccupa di lui, una specie di “stargate” tra il proprio mondo e quello dei grandi: ed è grazie a tutto ciò che i bambini credono nella sua esistenza, fregandosene completamente da tutti i messaggi della pubblicità.

Ma come possiamo fare noi adulti a rendere il Natale un momento magico?

parents and children’s read a book at fireplace on Christmas eve. Family with child celebrating Xmas.

Cercando il più possibile di creare un’atmosfera misteriosa, enfatizzando l’incertezza, un po’ come il finale del film “Polar Express”, mettendo a letto i bambini raccontando loro che Babbo Natale arriverà di notte, mentre tutti dormono, come nelle favole oppure se Babbo Natale sarà uno dei genitori travestito con il tradizionale costume rosso, creare comunque momenti sempre misteriosi e di attesa, che porti comunque il bambino in una dimensione magica.

Lo stesso discorso fare con i regali: non esagerare troppo con il numero, il bambino potrebbe perdersi nella foga di tanti pacchi da scartare, mentre con un numero ridotto può concentrarsi sul piacere della sorpresa; fare in modo che non diventi una competizione tra adulti, contegno, loro non sanno neanche cosa significa il lusso, meglio virare sulle cose semplici.

Si ma cosa regalare ad un bambino?

Molti di loro, su imbeccata deli genitori o delle maestre scrivono la letterina a Babbo Natale. Cercate di regalare giochi che lo rendano attivo, che lui possa giocarci o inventare, tramite il giocattolo, le sue storie, che stimoli la sua creatività, evitando cose che differenziano maschi e femmine, come succede negli ultimi anni, in quanto elimina le differenze individuali, semplificando si elimina la fantasia che è la grande ricchezza dell’uomo.

Per ultimo, come trascorrere il giorno della festa: ci permettiamo anche qui di poter dare qualche suggerimento.

Abbiamo aperto dicendo che il Natale è la festa più importante per i bambini: ecco, cercate di stare di più con i bambini e giocare con loro, fregatevene di preoccuparvi del pranzo o degli ospiti, state di meno a tavola e molto di più a giocare con loro.

BUON NATALE A TUTTI !!!!!!