0

Ferragosto è oramai alle porte, il caldo continua ad imperversare sulle nostre città ed ognuno cerca di trovare refrigerio dove e come può per sfuggire a questa morsa, ma soprattutto ci preme proteggere i nostri piccoli da queste temperature.
E quale cosa migliore se non farli giocare con l’acqua?
Si sa che i giochi d’acqua, particolarmente d’estate, sono una cosa quasi d’obbligo e sempre di moda, soprattutto tra i bambini, quindi abbiamo pensato di offrirvi una carrellata di giochi da fare con loro, al mare o in montagna, ovunque voi siate, basta solo avere a portata di mano un cambio per le eventuali necessità.

PALLA AVVELENATA ACQUATICA

Occorrente: palloncini grandi pieni d’acqua.
Regole: valgono le regole della “palla avvelenata”, coinvolgendo i bambini divisi per squadre, solo che al posto della palla si usano i palloncini pieni di acqua: ogni squadra, lanciando il palloncino, deve cercare di colpire il componente della squadra avversaria. Se chi lancia, oltre a colpire l’avversario, riesce a far esplodere il palloncino nell’altro campo, riceve un punto: vince chi totalizza più punti.

PARTITA CON BIGLIE DI GHIACCIO

2

Occorrente: formine per ghiaccio, scotch, polvere colorata alimentare.
Regole: attraverso le formine o gli stampi, creare delle palline di ghiaccio, ma prima di metterle nel congelatore, possiamo colorare l’acqua con la polvere colorata.
Su una superficie liscia, disegniamo un percorso con lo scotch, mettendo in evidenza la partenza e l’arrivo.
Ogni bambino dovrà spingere la sua pallina di ghiaccio attraverso il percorso, cercando di non uscire fuori: se accade il turno passa ad un altro giocatore. Vince chi arriva per primo al traguardo con la biglia meno sciolta.

CASCATA D’ACQUA

3

Occorrente: palloncini, acqua, spago o filo.
Regole: nel luogo dove volete voi (in giardino, terrazzo, parco) appendete i palloncini di acqua su un filo, un ramo o altro. Dividendo sempre i bambini in gruppi, il gioco consiste nel rompere i palloncini con le mani o con la testa, in un tempo che deciderete voi: al vostro via si scatenerà l’inferno, per la loro gioia !!!!! Vince la squadra che rompe più palloncini.

ACQUA IN BARCA

4

Occorrente: 3 secchi, 2 spugne
Regole: sempre dividendo i bambini in due gruppi e mettendoli in fila, tracciamo una linea di partenza e una di arrivo, mettendo al centro del percorso un secchio pieno di acqua, mentre gli altri due, vuoti, sulla linea di arrivo.
Ogni capofila avrà una spugna, all’inizio di ogni turno chi conduce il gioco dichiara una parte del corpo (fronte, ginocchio, gomito, pancia). Al via il capofila di ogni squadra immerge la propria spugna nel secchio, e poi corre a spremerla nel rispettivo secchio vuoto, strizzandola contro la parte del corpo dichiarata. Poi torna indietro e consegna la spugna al successivo compagno di squadra, che farà la stessa cosa, fino a completare la fila: vincerà chi avrà riempito di più il secchio.

L’ACCHIAPPACQUA

Occorrente: pompa dell’acqua da collegare al rubinetto, bicchieri, bottiglie e musica.
Regole: collegare la pompa al rubinetto, poi il giudice (un genitore) la agita a destra e sinistra a suon di musica, cambiando a suo piacimento sia la direzione del getto d’acqua che la lunghezza della pompa. I giocatori, dotati di un bicchiere di plastica, devono cercare di prendere al suo interno, quanta più acqua possibile e versarla in una bottiglietta di plastica che tengono nell’altra mano. La durata di ogni canzone sancisce il “round” del gioco. Vince chi avrò riempito maggiormente la bottiglietta.

IL PESCATINO

Occorrente: gusci degli ovetti a sorpresa, fil di ferro, bacinella grande, acqua, stecchino per spiedini e giocattoli in disuso, che si vogliano scambiare con altri bambini.
Regole: girare il fil di ferro intorno ai gusci degli ovetti, creando una specie di gabbia e lasciando un anellino in cima per poterlo appendere, riempire di acqua la bacinella, immergendo gli ovetti e lasciarli galleggiare. Il gioco consiste nel pescare, attraverso lo stecchino degli spiedini, gli ovetti e vince chi ne prende di più.
Questo gioco , oltre che divertente, ha una duplice funzione, cioè quella di creare tra i bambini, la condivisione delle “loro cose”, facendo capire loro che i loro giochi possono far divertire anche altri amichetti, se messi in comune, dando la possibilità anche di poter scambiare giochi poco usati.

STAFFETTA CON L’ACQUA

7

Occorrente: bicchiere d’acqua.
Regole: tracciare linea di partenza e arrivo. Come per “acqua in barca”, mettere i bambini, divisi sempre in due gruppi, in fila, tranne uno di loro per squadra che si metterà dietro la linea di arrivo. Come nella classica “staffetta”, il primo bambino di ogni fila, con un bicchiere pieno d’acqua in mano, parte verso il compagno che è all’arrivo e gli passa il bicchiere, questi una volta preso riparte facendo il percorso inverso e così via, fino a quando tutti abbiano completato il proprio turno. Vince chi alla fine avrà il bicchiere più pieno.

ERCOLE E MACISTE

Occorrente: palloncini grandi pieni di acqua
Regole: i bambini si schierano in modo del tutto autonomo, sparpagliati, nella zona del gioco, tenendo le braccia dritte e tese all’altezza delle spalle, con il palmo della mano rivolto verso l’alto. Questo è principalmente un gioco di “resistenza”. Il giudice (genitore) posa su ogni mano un palloncino pieno d’acqua. Quando il palloncino cade, in quanto il bambino non ha più la forza di tenerlo, mette la mano libera dietro la schiena, quando cade anche il secondo, viene eliminato. Vince chi riuscirà a tenere più a lungo almeno un palloncino in mano.

TIRO A SEGNO BAGNATO

9

Occorrente: cesta per panni, palloncini pieni di acqua.
Regole: dare ad ogni bambino un numero uguale di palloncini pieni d’acqua, magari dello stesso colore in modo da semplificare poi il conteggio, disponendoli in fila ad una certa distanza dalla cesta, che varrà piazzata davanti a loro. Lo scopo è per ogni bambino, quello di tirare i propri palloncini nella cesta, cercando di non farli esplodere: vince chi riesce a non farli rompere maggiormente.

LA CASCATA

10

Occorrente: bottiglietta di plastica, bicchieri e una sedia.
Regole: ogni bambino, con una bottiglietta piena di acqua in mano, sale su una sedia in piedi e, con le braccia tese all’altezza delle spalle e senza piegare le gambe, cerca di versare l’acqua nel bicchiere, messo a terra davanti a lui. Vince chi riempie maggiormente il proprio bicchiere: qualora dovesse esserci una parità, vince chi ha più acqua nella sua bottiglietta.

BUON FERRAGOSTO A TUTTI !!!!