hands painted
hands painted
In un continuo percorso di crescita che da sempre intraprendiamo nella nostra struttura, particolare importanza diamo, soprattutto rivolta ai più piccoli, alla loro manualità legata alla motricità, nello scoprire attraverso il tatto, il toccare le cose e scoprirne le forme, la materia, i colori, ecc….
Oggi affrontiamo, cercando di farlo nel migliore dei modi, questo argomento e diamo come sempre qualche pratico suggerimento ai genitori di come stimolarla al meglio.
Alla base di tutto, legata alla manualità c’è la motricità.
Lo sviluppo motorio è un processo di maturazione che permette al bambino di fare proprie delle competenze e abilità motorie, cognitive, relazionali ed emotive. Ovviamente tutto avviene per gradi, con i tempi e le modalità che sono variabili da soggetto a soggetto, ogni bimbo ha le proprie e il suo stile, cose che vanno rispettate e riconosciute. In tutta questa fase il bimbo deve essere seguito e stimolato in quanto la motricità è importante per scoprire l’ambiente e legata al crescere della propria intelligenza.
Coordinare le parti principali del corpo, quali braccia, gambe, dorso fa parte della motricità globale, mentre quella che si occupa della coordinazione delle mani, delle dita, occhi e piedi è la motricità fine, importantissima in quanto alla base di altre abilità.
Questa è fondamentale nella fase pre-scolare, in quanto accompagnano lo sviluppo del bambino, riempire e svuotare i contenitori, disegnare, manipolare, vestirsi da solo, tutto ciò come detto prima, coordina alcune parti del corpo e sarà per lui utilissima per imparare a scrivere senza troppa difficoltà.
Parlavamo dell’ambiente nella quale tutto ciò avviene: questo è fondamentale per il bambino, deve essere un tramite nella quale si possono trovare motivazioni incredibili di attività necessarie al suo sviluppo psico-motorio.
Il piccolo deve vivere in un ambiente strutturato per poterci vivere in completa autonomia, dove ha la possibilità di costruire i suoi rapporti con le cose, lo spazio, il tempo e soprattutto con i suoi simili. Nel processo educativo l’ambiente è uno degli elementi essenziali, in quanto deve contenere tutti i componenti positivi al suo processo di crescita, risultare adeguato, attraente e gradevole perché il piccolo è meno propenso ad esercitare le proprie attività motorie in una situazione sgradevole. Tutte le attività presenti all’interno di esso, concorrono a rinforzare le sue abilità motorie, portandolo a migliorare gradualmente le sue capacità di attenzione, la manualità, la precisione, il binomio vista-tatto, tutti fattori che avranno poi la conseguenza di migliorare la propria fantasia, creatività e immaginazione.
Come possiamo fare per aumentare la sua manualità?
Questa è la domanda che molti genitori dei bimbi che frequentano la nostra struttura spesso ci fanno. Si può iniziare a stimolarli sin da piccoli, con attività legate alla loro età, è importante capire che qualsiasi oggetto gli si propone, venga utilizzato correttamente per raggiungere il proprio scopo. Cosa fondamentale è presentare al piccolo qualsiasi materiale in modo ordinato, con ogni sua piccola componente ben visibile.
Proponiamo ora, per fascia di età, una serie di attività e materiali utili a sviluppare la motricità.

12-36 mesi

– Iniziamo a fargli esplorare un contenitore dove abbiamo riposto oggetti di varie forme e dimensioni, rimanendo sempre vigili ad evitare ogni eventuale rischio;
– Un’attività importantissima è quella di farlo mangiare da solo con le manine e poi con il cucchiaio, ciò avrà dei benefici molto maggiori al disagio di mangiar la pappa che comunque finirà in ogni angolo della cucina;
Sfilare e poi per gradi, riuscire ad infilare nuovamente un oggetto in un altro, come anche aprire e chiudere piccole scatole o ante, questo per allenare il polso.

30 mesi – 6 anni

– Restare affascinato da quei materiali che con facilità, possono essere travasati da un contenitore all’altro. Gli strumenti per travasare cambieranno con il crescere della maturità del bambino e le sue capacità manuali: si inizierà passando con gradualità dal mestolo al cucchiaio grande, poi a quello piccolo, all’imbuto, il colino perle farine, ecc…. tutto ciò per i materiali solidi. Per quelli liquidi, che ai piccoli piacciono in modo incredibile, è fondamentale educare il bambino a indirizzare e/o mantenere il liquido entro un certo spazio. Un altro elemento che serve ad aumentare la forza manuale, è lo strizzare la spugna, che aiuta e allena sia le mani che il polso;
scoopingrice
– Imparare ad usare le mollette o le pinze da cucina, aiuta la manualità delle dita: questa attività è tra le più importanti in quanto, in un discorso futuro, aiuta a promuovere la futura impugnatura della penna;
– Usare i timbri o lavorare con il pongo, aiuta ad usare in modo più o meno forte, l’uso della pressione delle dita, più adatto questo a bambini di età compresa tra i 3 e 6 anni;
Piegare alcuni materiali quali fazzoletti, tovaglioli, carta, aiuta ad avere precisione e ordine;
– Un’altra attività che allena l’attenzione, la precisione e a risolvere i problemi, è quella di togliere la polvere nelle scanalature delle finestre o delle porte. Prima di fare questa operazione, noterete che il bimbo esiterà un attimo, ma solo perché sta cercando di esaminare per bene l’oggetto prima di poter iniziare il suo operato. Questa è una delle attività che può servire quale inizio alla risoluzione dei vari problemi;
– E poi, dulcis in fundo, la cosa che amano più di tutte, lavorare e pasticciare in cucina. Il provare a cucinare insieme, sfocia in diversi bisogni: lo stare insieme al proprio genitore e sentire i suoi occhi su di se, lo catapulta a pensare di poter far parte del mondo degli adulti. Apparecchiare sperimenta la misura del numero, per esempio, dirgli di apparecchiare per papà, mamma, sorellina e nonna, è un modo sensoriale che serve al piccolo per un primo approccio a calcoli matematici.

Mother and daughter baking cookies
Mother and daughter baking cookies

Ecco, con questo abbiamo cercato di dare a voi genitori dei validi suggerimenti su come collaborare alla crescita del vostro bambino e proseguire tra le vostre mura di casa, la nostra attività che quotidianamente facciamo in struttura.